Lavatrice, su cosa puntare nella scelta? Guida all’acquisto e all’uso

Quando si acquista un elettrodomestico nuovo è sempre un momento importante perché è come se la famiglia si allargasse con una ‘new entry’. L’utilità di queste macchine che semplificano la vita è innegabile, specialmente quando si tratta di apparecchi irrinunciabili come la lavatrice. Su cosa puntare al momento dell’acquisto? Al risparmio o alla qualità? Difficile che vadano d’accordo, ma oggi anche questo è possibile grazie alla marea di offerte e promozioni soprattutto online. Spendere di più oggi potrebbe voler dire risparmiare domani, è il caso degli elettrodomestici, come le lavatrici, in classe A o derivati (A+, A++…) concepiti proprio per un cospicuo risparmio idrico e elettrico. Nel tempo la spesa superiore che si dovrà affrontare al momento dell’acquisto sarà ampiamente ripagata dai benefici ‘anti-spreco’ che alleggeriranno le bollette di luce e acqua.

Una volta acquistata, si dovrà usare correttamente e trattare al meglio la nuova arrivata, verificando innanzitutto l’idoneità degli attacchi alle tubazioni dell’impianto domestico, controllando che l’installazione vada a buon fine e non via siano perdite. A questo punto arriva la nota dolente dei programmi, che mandano in tilt anche il consumatore più navigato. Ogni lavatrice ha il suo corredo di programmi, oggi più di ieri, con l’aggiunta di funzionalità e optional di ultima generazione per poter impostare lavaggi ad hoc per ogni tipo di indumento, anche i più delicati, senza brutte sorprese. Nel dubbio vengono in soccorso le etichette, che contengono le istruzioni di lavaggio per quel determinato capo. La capacità del cestello va sfruttata, ma senza esagerare, mai forzare il carico che metterebbe sotto sforzo il motore della macchina.

Il segreto sta nell’imbiffare il programma giusto, il che è tutt’altro che facile al di là delle dritte elementari su colori e cotone o altri tessuti. In realtà, i programmi delle odierne lavatrici, ampiamente illustrate su www.lavatricemigliore.it, sono un rebus che non sempre il libretto di istruzioni riesce a dipanare. Si raccomanda di tenere pulita la vaschetta del detersivo dai residui dello stesso, basta usare un comune antibatterico per tenere alla larga agenti patogeni, virus e muschi lesivi per la salute. Per il resto il grosso del lavoro è riuscire a impostare il programma giusto, fatto ciò sarà lei a fare il resto.